Alessandria, Attualità

Giocattoli, origami e un presepe per l’Infantile di Alessandria

Sono i doni di Daniele e Carmelo Barca, Masae Takanashi e degli alunni della Primaria di San Giuliano Vecchio

Proseguono i gesti di generosità per i giovani pazienti dell’Ospedale Infantile Cesare Arrigo di Alessandria. Negli scorsi giorni, infatti, singoli donatori e scuole hanno voluto regalare un momento di gioia consegnando giocattoli, origami e un presepe.

Lunedì 19 dicembre Carmelo e Daniele Barca hanno consegnato i giocattoli acquistati grazie ai 400 euro raccolti lo scorso 8 dicembre durante il torneo di calcio e di calcio tennis per bambine e bambini organizzato al campo sportivo di Ovada. In ricordo della moglie e mamma Stefania, mancata nel 2016, i due donatori hanno così portato all’Ospedale Infantile “un sorriso per i bambini”, come riportato sulla maglietta indossata dai piccoli sportivi per l’occasione.

Martedì 20, invece, è stata la volta degli alunni della classe terza della Scuola primaria Prato di San Giuliano Vecchio in rappresentanza dell’Istituto comprensivo Caretta di Spinetta Marengo. Come ormai da tradizione, è stato portato al Cesare Arrigo un presepe realizzato dagli studenti con l’aiuto delle insegnanti e dei genitori: quest’anno il tema trattato in classe è stato la lotta alle disuguaglianze, a partire proprio da quelle che subiscono i compagni o gli amici malati. Il presepe fa ora bella mostra di sé accanto all’albero allestito al Pronto Soccorso Pediatrico.

Colorate e allegre trottole di origami sono state infine distribuite in questi giorni grazie alla donazione di Masae Takanashi: realizzate a mano dalla madre e dalle sue amiche, che vivono in Giappone, sono giunte nel 2019 in Italia per favorire l’amicizia e gli scambi culturali tra i due Paesi. Ora possono far trascorrere alcuni momenti di gioia ai bambini dell’Infantile durante le festività natalizie.

L’Azienda Ospedaliera di Alessandria ringrazia di cuore tutti i donatori che in questo periodo di allegria e unione hanno avuto un pensiero solidale per tutti i piccoli pazienti che invece dovranno trascorre le festività in ospedale, rendendo così speciale il loro Natale al di là della malattia, nel pieno spirito di questa ricorrenza. 

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook