Attualità

Poste Italiane – Tornano i webinar gratuiti di educazione finanziaria per i cittadini del Piemonte

20 e 22 febbraio, due sessioni dedicate alla gestione dei risparmi e investimenti e al passaggio generazionale

Proseguono per i cittadini del Piemonte gli appuntamenti online gratuiti sul tema dell’Educazione Finanziaria in modalità webinar.

Questa settimana si terranno due appuntamenti: martedì 20 febbraio l’incontro dal titolo “Il risparmio e gli investimenti” farà luce sugli aspetti legati alla gestione dei propri risparmi e investimenti per migliorare il proprio benessere finanziario mentre l’incontro di giovedì 22 febbraio dal titolo “Il passaggio generazionale”, si occuperà di come pianificare il passaggio generazionale per essere dei buoni “antenati”.

Per ciascuna giornata sono previsti due differenti momenti, alle 10.00 e alle 16.30, quest’ultimo con sottotitoli e interprete LIS.

Per partecipare basta collegarsi all’indirizzo  https://www.posteitaliane.it/educazione-finanziaria/eventi, alla pagina web di Educazione Finanziaria, nella sezione sostenibilità del sito istituzionale www.posteitaliane.it, scegliere la tematica di interesse e registrarsi. All’interno del sito sono disponibili, inoltre, molteplici contenuti multimediali fruibili da tutti, un utile glossario e una collana di podcast dedicata ai giovani dal titolo “Generazione EF”, che racconta, attraverso le voci dei protagonisti delle storie, in modo semplice e senza troppi tecnicismi, le tematiche principali di una corretta pianificazione finanziaria. 

Gli incontri, promossi da Poste Italiane, hanno l’obiettivo di divulgare e diffondere, fra i giovani e non solo, una cultura finanziaria, assicurativa e previdenziale per compiere scelte consapevoli e adatte agli obiettivi personali e familiari.  

L’iniziativa si muove nel segno della tradizionale attenzione di Poste Italiane alle esigenze dei cittadini e in coerenza con la sua storica vocazione di azienda socialmente responsabile che aderisce ai principi internazionali ESG, promossi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite.  

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook