Casale Monferrato, Scuola

Istituto Leardi – Premiazioni del concorso dell’Associazione San Vincenzo

Sì è tenuto sabato 20 maggio il consueto appuntamento per le premiazioni del concorso di scrittura indetto dall’associazione San Vincenzo che ha visto, per l’IIS Leardi, un doppio riconoscimento alla classe 4^A Grafica e Comunicazione, con i lavori di Aurora Merli e Viola Pisoni. Il tema di quest’anno è stato “Bullismo e cyberbullismo non sono un gioco da ragazzi”: su circa centrotrenta elaborati presentati, sono stati due i vincitori per ciascun istituto superiore della città, annunciati come d’abitudine nell’Aula Magna dell’Istituto Lanza. Aurora, che si è classificata al primo posto per il Leardi, ha presentato un saggio breve: «Ho deciso questa forma di scrittura perché mi sembrava la migliore per spiegare come, nella nostra generazione, al problema del bullismo si è aggiunto quello del cyberbullismo, molto più pericoloso perché difficile da controllare. All’inizio avevo pensato di parlare della mia esperienza personale, scrivendo una lettera alla me del passato, ma quando ho iniziato a lavorare ho pensato che fosse più urgente indagare e spiegare i meccanismi dietro questo fenomeno. Sono stata molto contenta di questo premio e sono orgogliosa di aver potuto leggere il mio elaborato di fronte ai presenti, nonostante mi spaventasse molto: ho dimostrato a me stessa che posso raggiungere buoni risultati, superando le difficoltà». Viola, invece, ha ottenuto il secondo posto componendo una poesia che è stata giudicata “molto toccante”: «Il tema del bullismo e del cyberbullismo mi interessa molto, per questo ho deciso di esprimere i miei pensieri con una poesia che parlasse direttamente ai lettori e al pubblico in sala. È stato emozionante vincere un concorso riguardante un argomento che mi tocca così nel profondo, perché ho potuto dare voce a quello che avevo dentro: sarà sicuramente un’esperienza che non dimenticherò».

«È sempre soddisfacente – conclude il dirigente scolastico Nicoletta Berrone – vedere che i nostri alunni si impegnano riguardo a tematiche così importanti, ottenendo anche ottimi risultati. Questi argomenti sono al centro di molte riflessioni che i ragazzi portano avanti in numerosi progetti, ad esempio con lo Spazio Ascolto, coordinato dalla psicologa Enrica Ferrari, o con la partecipazione a conferenze e seminari, oltre che con la realizzazione di elaborati personali anche attraverso i nuovi media».

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook