Attualità, Valenza

Valenza – Alcune precisazioni del Sindaco Maurizio Oddone sulla questione ex Ospedale Mauriziano

La delibera della Giunta Regionale è un importante passaggio per l’ex Ospedale Mauriziano ottenuto in due mesi e mezzo, a vantaggio dell’intera Città di Valenza

Relativamente alla delibera della Giunta Regionale che mette fine al contenzioso tra la Regione Piemonte e la Fondazione Ordine Mauriziano, il Sindaco di Valenza, Maurizio Oddone, intende fare alcune precisazioni”:

“Quando la Giunta Regionale ha approvato la delibera che ha messo fine al contenzioso con la Fondazione Ordine Mauriziano, c’è chi ha detto che non era successo niente, non sarebbe successo niente per quel che riguardava il presidio ospedaliero dell’ex Mauriziano.
C’è chi ha detto che erano fake news, promesse di campagna elettorale, ‘balle’ elettorali.
Invece è successo tutto perché l’impegno che l’Assessore Luigi Icardi aveva preso di risolvere una questione che andava avanti da anni è andato a compimento, sanando i debiti pregressi della Regione Piemonte.
E sono successe due cose, semplici ma vitali per il futuro del nostro presidio ospedaliero: sono stati sanati i debiti ed è stato chiuso il contezioso.
Adesso la Regione Piemonte ha due strade davanti, con una soluzione che dipenderà da valutazioni di tipo economico-contabile: o acquistare l’immobile o affittarlo.
Quello che è certo, in ogni caso è che TUTTI I SERVIZI ATTUALMENTE IN ESSERE AL PRESIDIO OSPEDALIERO DI VALENZA POTRANNO RIMANERE ED ESSERE POTENZIATI, COME PURE LA MEDICINA DEL TERRITORIO.
Voglio ancora sottolineare come a questo importante traguardo si sia arrivati in due mesi e mezzo e nel pieno di un’emergenza sanitaria, mentre non era accaduto nulla di ciò negli anni precedenti, con le precedenti Amministrazioni, in Regione ed in Comune.
Un ringraziamento va al Presidente Cirio, all’Assessore Icardi, a tutta la Giunta. Questa non è la vittoria di una partito o di una parte politica, come ho già detto e ribadisco è la vittoria di tutta la Città di Valenza e di suoi Cittadini”.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook