Reporter, Video

Friday For Future si presenta in Comune

Venerdì 8 marzo 2019, alle ore 15, i ragazzi del gruppo casalese di “Fridays For Future” hanno incontrato il Sindaco insieme ai cittadini nel cortile del municipio per presentare il movimento e parlare della sua organizzazione a livello mondiale, nazionale e territoriale cercando anche di sensibilizzare gli adulti e l’amministrazione sul tema ambiente chiedendo espressamente di instaurare un rapporto di stretta collaborazione tra l’amministrazione territoriale, i cittadini e tutti i ragazzi aderenti al movimento.

Guarda il video

In apertura Federico Azzarito, studente diciassettenne dell’ Istituto Sobrero nonché uno dei due coordinatori e referenti del gruppo FFF di Casale (l’altro ragazzo è Nicola Mossone, 19 anni, studente universitario nonché ex studente del liceo classico di Casale) ha raccontato ed esposto prima la storia della ormai nota ragazzina svedese, Greta Thunberg, che ha dato vita a questo movimento, raccontando della denuncia della sedicenne nei confronti dei politici e dei poteri capitalistici, colpevoli di non aver fatto della politica economica sostenibile la politica per eccellenza ribadendo che se non si faranno azioni concrete ORA non ci sarà più tempo per tornare indietro visto che (secondo una stima scientifica) ci troviamo a dodici anni dall’irreversibilità della situazione climatica… una situazione in cui surriscaldamento globale, inquinamento, eccessivo utilizzo delle risorse, negligenza umana etc etc sta portando ad una crisi ambientale di dimensioni mai viste con la conseguente estinzione di moltissime specie, prime tra cui l’uomo e la distruzione del nostro clima e della nostra Terra. 

Seguentemente ha parlato della nascita del movimento Fridays for Future che conta ormai 77 paesi aderenti con grosse manifestazioni pacifiche in moltissime città del mondo che vedono scendere in piazza centinaia di migliaia tra studenti, insegnanti, genitori, presidi e tutti i cittadini preoccupati per la salute della nostra Madre Terra, stufi di stare zitti, stufi di stare a guardare la distruzione del nostro amato pianeta e con una domanda in testa: potranno un giorno i nostri figli e i nostri nipoti vivere e non sopravvivere su questa Terra?

L’Italia ha aderito al movimento da quasi due mesi partendo dalle città principali come Milano, Torino, Pisa, Roma (etc) e allargandosi a macchia d’olio a tantissime altre città; solo nella regione ci sono gruppi FFF a Cuneo, Alessandria, Torino, Novara (etc). A Casale, racconta Federico, io e Nicola Mossone, dopo un’accurata ricerca e dopo essersi informati sui social (visto che proprio attraverso i social si muove questo movimento, informando e sensibilizzando le persone proprio attraverso le piattaforme social di facebook, Instagram e Twitter) hanno deciso di creare il gruppo locale aprendo una pagina facebook (Fridays For Future Casale Monferrato – Italy ) e una pagina Instagram (Fridaysforfuturecasalem.to) e cercando di raccogliere ragazzi da tutte le scuole della Città: in poco tempo il gruppo casalese era formato con più di 400 persone a seguire le pagine e circa una quarantina di ragazzi che, grazie a riunioni settimanali e incontri, hanno potuto collaborare per una buona riuscita del raggiungimento degli obbiettivi del movimento! 

Prendono ora la parola 4 ragazzi del movimento, Mirko, Vittoria, Martina e Beatriz che raccontano della loro esperienza nel movimento parlando di come sono venuti a conoscenza del gruppo di casale: chi attraverso i social, chi grazie ad amici, chi grazie ai referenti che si sono attivati per fare il passaparola. Pensiero comune a tutti loro il fatto che ormai non ci sia più tempo, la preoccupazione è tanta e la voglia di un cambiamento che porti al rispetto del nostro ambiente non manca: « sono rimasta stupita quando ho saputo che c’erano tanti altri ragazzi che si interessano all’ambiente come faccio io ma fin da subito mi ha dato la carica e resa orgogliosa allo stesso tempo di poter essere parte di tutto quello che Stiamo facendo per la nostra Terra» afferma Vittoria, « dobbiamo proteggere tutto non solo la terra sotto i nostri piedi, dobbiamo proteggere i cieli, i mari, i ghiacciai e tutto ciò che ci circonda perché sia ancora una bel pianeta per i nostri figlio, ecco sono preoccupato perché non so se un giorno potranno vedere quanto è bella questa Terra!» dice Mirko. 

Ed è in questo momento che interviene anche un’altra ragazza, Sara, che sottolinea l’importanza di una collaborazione tra le amministrazioni e scienziati sottolineando le richieste del movimento ai potenti del mondo: riduzione delle emissioni di CO2 del 50% entro il 2030 e del 100% entro il 2050 per contenere l’innalzamento della temperatura di 1,5°C invece d arrivare ad un innalzamento di 2°C passando a risorse rinnovabili, sensibilizzazione della popolazione ma soprattutto inclusione di scienziati ed esperti nella politica applicando i consigli da loro forniti per una politica economico-ambientale più sostenibile.

Esposti i punti che mandano avanti questo movimento interviene Chiara che espone le prossime iniziative prima tra tutte la marcia globale che si terrà il 15 marzo in tutti e 77 i paesi del globo aderenti al movimento: le persone scenderanno in piazza tutte alla stessa ora con cartelli e discorsi di denuncia e protesta verso i poteri forti che per l’ambiente e il futuro della nostra Terra al momento non stanno facendo nulla. Anche Casale parteciperà alla marcia: sarà organizzata una trasferta del gruppo FFF casalese con tutte le persone che vorranno parteciparvi, i partecipanti si recheranno infatti a Torino in treno per unirsi alla manifestazione pacifica del capoluogo. 

Nelle scuole superiori casalesi intanto è già cominciata la campagna informativa sia sul tema “ambiente” sia, conseguentemente, sul movimento, primi a presenziare ad una conferenza gli studenti dell’istituto superiore Leardi che hanno potuto ricevere informazioni più specifiche sulla situazione critica in cui stiamo vivendo; presto i referenti e i ragazzi del movimento si recheranno anche negli altri istituti superiori per continuare la campagna di sensibilizzazione e invitare i ragazzi alle iniziative future.

Altra informazione molto importante è l’inizio delle manifestazioni pacifiche per le strade della città monferrina che partiranno da venerdì 22 marzo e vedranno tutti i ragazzi FFF ed i cittadini sostenitori scendere per le strade e chiedere a gran voce il cambiamento di cui tanto si sta parlando in questi mesi, durante il discorso sono stati invitati tutti i cittadini a partecipare: << quando ci vedrete per le strade con cartelli colorati e motti per l’ambiente unitevi a noi perché è davvero ora che ci riprendiamo il nostro futuro e il futuro dei nostri figli!>> è una delle frasi dette da Chiara.

ultimo ma non per importanza è il doveroso impegno che i ragazzi ci metteranno del loro per collaborare in iniziative preparate da altre associazioni per sensibilizzare e rendere il nostro mondo un mondo più pulito, alcune sono il progetto “Vispo” presentato sabato scorso a Trino e il progetto “Vita a impatto zero” organizzato per maggio e che vedrà ragazzi di tutte le scuole prendere parte a workshop inerenti al clima e all’ambiente in generale, l’impegno ci sarà anche dal punto di vista collaborativo nei confronti dell’amministrazione territoriale ed è stato annunciato che presto il gruppo si metterà in moto per produrre delle video-interviste ai candidati alle elezioni di maggio per chiedere espressamente quali punti del loro programma trattano l’ambiente e cosa pensano di fare a livello territoriale per rendere la città una città più “eco”, quest’ultima proposta fortemente approvata dal sindaco che pochi minuti prima aveva proprio proposto ai ragazzi di lavorare su un programma di ristudio della città verso una città più ecosostenibile consigliando di unire le capacità dei vari studenti dei vari indirizzi degli istituti per far sì che tutti facciano la loro parte collaborando e studiando la parte di progetto trattante temi del proprio indirizzo.

È ora del discorso del sindaco: sottolinea l’impegno dell’amministrazione territoriale in questi cinque anni di mandato sottolineando in particolare la battaglia contro l’amianto: << in questi anni abbiamo raddoppiato le azioni di bonifica e stiamo continuando tuttora >>. Altre azioni citate sono la costruzione di alcuni tratti di pista ciclabile in città e la richiesta di riattivare alcune linee ferroviarie e la costruzione della piccola centrale idroelettrica vicino al ponte della ferrovia di Casale.

Sottolinea in oltre che è molto soddisfatta della nascita di questo movimento e ancora più entusiasta che, i social attraverso cui FFF si muove, siano finalmente oggetto di utilizzo per buone cause di grande portata come quella che porta avanti il movimento globale.

Si dichiara inoltre disponibile a fornire il suo supporto al gruppo di Casale cercando di collaborare con i ragazzi FFF e le eventuali proposte da loro avanzate. Questo fino a quando sarà sindaco ma anche nel caso in cui venisse rieletta, aggiungendo infine che spera la prossima amministrazione fornisca supporto in tutto e per tutto.

Dopo un grosso applauso dei cittadini presenti diversi di loro hanno invitato i ragazzi del movimento ad iniziative come la manifestazione per la riattivazione delle linee ferroviarie o la conferenza sulle radiazioni elettromagnetiche con la seguente adesione dei ragazzi che si sono subito mostrati interessati.

Intervento di Dario Zocco direttore del Parco del Po: un ringraziamento speciale, oltre che al sindaco Palazzetti, va al direttore del Parco del Po, Dario Zocco e a tutti i suoi collaboratori. Il direttore ha annunciato che il Parco del Po presterà il salone della sede al gruppo FFF casalese perché lo possa utilizzare come sede degli incontri e delle riunioni dei ragazzi!

Sostegno associazioni: altro ringraziamento va a Vittorio Giordano di Lega Ambiente per il suo supporto essenziale in queste settimane con aiuti sia su base organizzativa sia di consiglio per far sì che i ragazzi del  movimento possano imparare a muoversi da soli sia in ambito amministrativo che in iniziative e organizzazione.

L’incontro si chiude con il ringraziamento da parte del sindaco e da parte dei ragazzi alla frase: “non ci fermeremo potete stare tranquilli!” 

Fonte: Il Referente Federico Azzarito

 

 

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook