Eventi News Notizie Flash

Conferenza “Camici bianchi su divisa nera” L’eugenetica e la medicina nazista

In occasione del Giorno della Memoria, da una collaborazione tra l’ANPI, la Biblioteca Civica “Giovanni Canna” e la Comunità Ebraica di Casale Monferrato, venerdì 8 febbraio alle ore 21, presso la Biblioteca Civica di Casale Monferrato, via Corte d’Appello 12 , avrà luogo la conferenza dal titolo “Camici bianchi su divisa nera” – L’eugenetica e la medicina nazista.

La Shoah è una tragedia che a distanza di più di 80 anni non può e non deve essere dimenticata. Un aspetto non adeguatamente studiato è sicuramente il ruolo che la cosiddetta sperimentazione medica ha avuto nella macchina di morte nazista e del quale costituiva un elemento organico e “programmatico”. Quegli esperimenti furono veri e propri crimini e infatti in uno dei processi per crimini di guerra tenuti a Norimberga furono imputati i medici nazisti che li praticarono.

Partendo da teorie di eugenetica e di superiorità della razza ariana, i medici nazisti si sentirono investiti di una grande missione: costruire la razza ariana attraverso l’eliminazione degli “imperfetti” e dei “diversi”. Di qui esperimenti pseudoscientifici e aberranti compiuti sui corpi dei deportati, bambini compresi.

Partendo da un riflessione su teorie ottocentesche di eugenetica, il percorso della serata si snoda attraverso le terribili pratiche dell’Aktion T4 fino agli esperimenti condotti da medici SS nei campi di concentramento.

Relatore della serata sarà il professor Marco Sigaudo di San Salvatore Monferrato. L’ingresso alla conferenza è libero. Per docenti e studenti la partecipazione è valida quale credito formativo.

L’incontro si ricollega idealmente alla mostra fotografica “Medicina eugenetica e Shoah” visitabile presso la Comunità Ebraica di Casale Monferrato per tutto il mese di febbraio. L’esposizione è realizzata dall’Università di Roma “La Sapienza” in collaborazione con l’Unione Comunità ebraiche italiane (UCEI) e con la cura scientifica della professoressa Silvia Marinozzi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*