Cultura

Rosignano Monferrato – Emozioni… d’Arte con le mostre temporanee e permanenti visitabili

La ricca e variegata opportunità di scelta tra diverse Mostre di grande impatto e la riconfermata disponibilità di visita a numerosi Infernot pubblici e privati oltre che agli altri attrattori turistici presenti in loco (panchina gigante, vetrine, punti panoramici e percorsi d’arte ed ambientali…) rende la visita a Rosignano Monferrato ed al suo circondario di certo interesse anche nel corso dei mesi autunnali, durante i quali le distese collinari coltivate a vigneto si trasformano in una tavolozza di colori: dal rosso al giallo, dall’arancione al verde ed al marrone.

Non solo il Vino ed il  Tartufo, elementi salienti dell’eccellenza enogastronomica  e caratterizzanti più che mai il territorio rosignanese in autunno, ma anche  la molteplicità dell’offerta continuativamente a disposizione  per i  turisti ed i visitatori, non è una cosa usuale dalle nostre parti.

Soffermando, in particolare,  la nostra attenzione sulle Mostre in questo periodo visitabili in Rosignano Monferrato, ci troviamo di fronte ad una serie di  opportunità davvero interessanti.

Presso il Teatro Ideal, per alcune settimane, è ancora visitabile la “doppia” Mostra su “Storia del Vino e della DOC” e “Il Ricamo come espressione del Territorio”, correlate da belle immagini fotografiche che illustrano le “Quattro Stagioni della Vite” : un insieme che si lega perfettamente nel segno della natura, della vite e dell’ambiente struggente e colorato, quale è il Paesaggio Monferrino, in ogni stagione dell’anno.

Nei sottostanti e rinnovati “Saloni Arnaldo Morano”, trovano ospitalità due eccezionali eventi d’arte. L’una – “L’Altro e L’Oltre” – una mostra dedicata all’immaginario artistico attraverso una quindicina di  opere di noti autori contemporanei che si sono soffermati sulla propria percezione del sacro o della religiosità in un linguaggio più prossimo al nostro sentire contemporaneo. La Mostra, curata da Gabriella Anedi della Galleria “Fiber Art and…” vede la partecipazione di Artisti di fama quali Mario Costantini,  Dino de Simone, Daniela Evangelisti, Antonio Giancaterino… solo per citarne alcuni. Le opere esposte, anche grazie alla suggestione dell’allestimento e della musica di sottofondo, coinvolgono il visitatore in un percorso intimo e emozionale di rara intensità.

Si combina e si fonde con la appena citata mostra  d’arte contemporanea, l’altrettanto interessante e coinvolgente mostra d’arte sacra  “Le Icone” , dove i colori  vivaci della tradizione iconica sacra russa e bizantina assumono una valenza artistica particolare nelle opere esposte, realizzate con eccelsa cura da Renzo Rolando ed Inna Kolesnick. Alle icone proposte dai due artisti casalesi, si aggiungono alcuni preziosi manufatti della tradizione ortodossa ed icone russe che risalgono al XVIII e XIX secolo.

Le due Mostre sopra descritte, si sviluppano accanto alla “Bottega del Liutaio”, l’ esposizione permanente che ricostruisce il laboratorio del maestro liutaio Arnaldo Morano, ed ospita una  interessante rassegna degli strumenti usati dal luitaio stesso, così come i molteplici “ingredienti” della sua esclusiva vernice che conferiva a viole, violini e violoncelli dal Morano realizzati o restaurati l’inconfondibile suono che ancor oggi rende un “Morano” lo strumento musicale esclusivo utilizzato dai più celebri strumentisti sull’intero pianeta.

Ancora, presso Casa Celoria, i visitatori ed i turisti che raggiungono la rocca Rosignanese, potranno ammirare la mostra permanente “Sculture in Pietra da Cantoni” del noto artista casalese  Giorgio Cavallone: le 13 affascinanti sculture, realizzate nella tipica pietra del territorio,  esposte  presso l’Infernot Celoria – sono  visitabili anche esse ogni fine settimana partendo dall’Info Point Turistico e – su prenotazione – anche nel corso della settimana. Lo scultore, Giorgio Cavallone, è un artista a “tutto tondo” che ha scoperto nella scultura “antropomorfica” la plastica espressione della sua arte. L’arte antropomorfica ha origini antiche e tende a conferire aspetto umano alla realtà esterna, prendendo spunto dalle figure della mitologia classica e dal mondo animale.

Il quadro d’insieme, dunque, appare  interessante e piacevolmente coinvolgente: il punto di partenza per le visite rimane l’Info Point  Turistico comunale in piazza S. Antonio a cui si può anche telefonare (cell. 377 169 3394) per  prenotazioni nei fine settimana (orario 10 – 12,30 e 15 – 17,30) e per gruppi anche infrasettimana.

“Le risultanze da parte dei visitatori  sono state sino ad ora estremamente positive e gratificanti: ciò ci conferma  e ci stimola a proseguire sulla strada intrapresa, realizzando sempre nuove occasioni per portare arte e cultura qui da noi, proponendole ad un pubblico vasto e qualificato che potrà raggiungerci e scoprire le nostre eccellenze in ogni periodo dell’anno”  dichiara il Sindaco Cesare Chiesa.

Nel frattempo si apprende che è imminente l’uscita del Calendario degli Eventi e delle Mostre Espositive in Rosignano per i prossimi mesi: sono attese diverse nuove proposte che  certamente  incontreranno il favore della Cittadinanza e dei Visitatori.

Si può concludere, senza timore d’errore, che lo slogan coniato lo scorso anno  “Rosignano, Emozioni in Monferrato!”  – motto che ha portato fortuna al Comune delle “Tre Rose” con un incremento esponenziale di visitatori negli ultimi mesi – può essere interpretato in questo caso, con le tante opportunità artistiche in essere ed in preparazione, come ” Rosignano Monferrato, Emozioni d’Arte!”.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook