Attualità, Valenza

IEG: il Piemonte protagonista con 75 aziende a Vicenzaoro al via domani, 10 settembre, di nuovo in presenza

On stage fino al 14 settembre in concomitanza con T.GOLD, il salone internazionale per i macchinari e le tecnologie per il gioiello e con VOVINTAGE (11-13 settembre) con oltre 800 brand espositori tra cui 75 eccellenze piemontesi

Il comparto orafo-gioielliero al livello pre Pandemia: +2,8% per l’export italiano nei primi 5 mesi di quest’anno (2021 vs 2019)
www.vicenzaoro.com

Al via domani VOS – Vicenzaoro September The Jewellery Boutique Show, la fiera internazionale del gioiello di Italian Exhibition Group che torna in presenza dal 10 al 14 settembre, a tutto quartiere, con oltre 800 brand espositori (circa il 30% internazionali) e compratori in arrivo dall’Europa e dal Middle East, con top buyers russi e americani, per un’edizione che coinvolge la filiera completa degli operatori che sentono forte il bisogno di un contatto fisico.

Piemonte protagonista in fiera con 76 aziende e con  il distretto di Valenza Po rappresentato da  66 eccellenze (vedi elenco)

Domani, alla cerimonia inaugurale, alle 11.30, prenderanno parte il presidente di IEG Lorenzo Cagnoni, il sindaco di Vicenza Francesco Rucco, la vicepresidente della Provincia di VicenzaCristina Franco, la presidente Federorafi Claudia Piaserico, l’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Veneto Roberto Marcato e il presidente di Agenzia ICE Carlo Maria Ferro. 

Vicenza torna dunque a brillare con le creazioni dell’eccellenza manifatturiera e con le anteprime esclusive dei più riconosciuti gioiellieri al mondo, da DAMIANI Group a ROBERTO COIN, da FOPE a CRIVELLI e FABERGÉ. Ma anche con le innovazioni di T.Gold, il salone internazionale per i macchinari e le tecnologie avanzate per i processi di progettazione e realizzazione del gioiello. E per gli appassionati di orologeria e alta gioielleria vintage torna VOVintage (11-13 settembre), dedicato ai collezionisti e aperto al pubblico.

Il comparto orafo-gioielliero riprende i ritmi di crescita e raggiunge già i livelli pre pandemia:l’export italiano registra un +2,8% nei primi 5 mesi 2021 rispetto allo stesso periodo del 2019 (poco significativo un raffronto con il +86% rispetto al 2020 nel contesto della crisi sanitaria). Una dinamica positiva che si riflette anche nei dati di import. Ai primi posti del nostro export sono Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti (rispettivamente +67,4% – ovvero + € 185,6 milioni in valore assoluto – e +4,5% – ovvero + € 16,2 milioni) su uguale periodo 2019. Nella top 5 hub logistico-commerciali del settore come Irlanda, Francia e Svizzera, mentre forte decrescita per Hong Kong (1)

Vicenzaoro September è anche arena di dibattito e approfondimento a beneficio delle eccellenze nazionali e internazionali dell’industry. Ad aprire il programma il Talk “The State of the Art” in collaborazione con il Club degli Orafi: un’istantanea del settore attraverso rappresentanti eccellenti della filiera: Jerome Favier CEO di Damiani, Stephen Lussier Executive Vice-President Consumer and Brands di De Beers Group, Nicolò Rapone Operations Senior Director di Bulgari e Massimo Fasoli, CEO di Fasoli Spa.

Fenomeni emergenti ed evoluzione dei consumi nei prossimi 18 mesi saranno al centro della presentazione del 20° “The Jewellery Trendbook 2023+”, vera e propria bibbia per il mercato internazionale dei preziosi realizzato dall’Osservatorio indipendente di IEG Trendvision Jewellery + Forecasting. In primo piano sostenibilità e parità di genere con “Sustainable Development Goals: Meeting Their Challenge” organizzato da CIBJO, la Confederazione Mondiale del Gioiello, con la presenza del Presidente Cavalieri, e incontri dedicati alle “Gemology Women Icons” e a “Women in jewellery” con molte key opinion leader del settore. Tornano i Digital Talksin collaborazione con Confcommercio Federpreziosi, e i GEM TALKSin collaborazione con I.G.I. (Istituto Gemmologico Italiano) che affronteranno il tema dei diamanti sintetici. Laura Inghirami, founder di Donna Jewel, parlerà dei comportamenti di consumo di Millenials e Generazione Z.

Community e cultura parole d’ordine del palinsesto dedicato all’orologeria: previsto un inedito corso tenuto dall’istituzione ginevrina FHH – Fondation de la Haute Horlogerie, con un formatore d’eccezione: Ugo Pancani, Professore in Orologieria Meccanica ed Elettronica. Mentre il mastro orologiaio Vincent Calabrese, fra i più riconosciuti al mondo, co-fondatore della Académie Horlogère des Créateurs Indépendants (AHCI) con all’attivo 40 brevetti proprietari presenterà in anteprima una novità rivoluzionaria per l’orologeria meccanica.

Startup & Carats, organizzato con il supporto di Agenzia ICE, offrirà un inedito trampolino di lancio per sinergie e collaborazioni, promuovendo il dialogo e la relazione fra tutti gli stakeholder presenti, le startup e le PMI più dinamiche.

Sicurezza in primo piano a VOS con l’applicazione del piano #SAFEBUSINESS by IEG, il progetto per assicurare un’esperienza in fiera sicura e allo stesso tempo agile, e l’accreditamentoGBAC STAR™ (il programma globale di certificazione degli standard internazionali di pulizia, sanificazione e prevenzione dei rischi infettivi per ambienti e personale promosso dal Global Biorisk Advisory Council) che IEG ha ottenuto per le sue sedi, primo tra i player fieristici e congressuali in Italia.

Hub internazionale di riferimento per tutto il comparto, l’edizione settembrina di VO gode del supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dell’AgenziaICE, e vede la presenza compatta delle associazioni quali Confindustria Federorafi, Confartigianato Orafi, Confcommercio Federpreziosi, CNA Orafi, Confimi Industria Categoria Orafa ed Argentiera, Assocoral, AFEMO – Associazione Fabbricanti Esportatori Macchinari per Oreficeria e, a livello internazionale CIBJO – Confederazione Mondiale della Gioielleria.

La kermesse risuonerà anche nelle vie della splendda Vicenza con VIOFF, il Fuori Fiera di Vicenzaoro: la sua sesta edizione, “A GOLDEN JOURNEY”, proporrà una coinvolgente offerta artistica e di intrattenimento per un mix virtuoso fra business e cultura. 

(1) Fonte Centro Studi di Confindustria Moda su dati ISTAT per Federorafi

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Seguici su instagram!

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook