Attualità

La rete pubblica in fibra ultraveloce arriva nel Comune di Balzola

Sono già disponibili i servizi a banda ultra larga che sfruttano l’infrastruttura realizzata da Open Fiber nell’ambito del progetto di Infratel con la collaborazione della Regione Piemonte

La fibra ottica ultraveloce è disponibile nel comune di Balzola, che può quindi già beneficiare di una infrastruttura che abilita velocità di connessione fino a 1 Gigabit per secondo. I lavori sono stati realizzati da Open Fiber, la società concessionaria del bando pubblico di Infratel per la copertura delle aree bianche nella regione Piemonte, che ha dotato il territorio comunale di una rete in modalità FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa), l’unica capace di abilitare tutti i servizi digitali di ultima generazione. L’opera, finanziata con fondi pubblici (europei, statali e provinciali), rimarrà di proprietà pubblica, mentre Open Fiber ne curerà la gestione e la manutenzione per i prossimi 20 anni.

Sono oltre 800 le unità immobiliari cablate attraverso una rete di circa 10 chilometri. Circa l’80% del piano di sviluppo dell’opera ha previsto il riutilizzo di infrastrutture e cavidotti già esistenti, soprattutto interrati, fattore che ha permesso di limitare i disagi per la circolazione e per i cittadini. In particolare gli interventi di cablaggio hanno interessato alcune strutture della Pubblica Amministrazione come la sede della Protezione Civile, la Scuola Materna, la Scuola Primaria e il Municipio.

L’infrastruttura in banda ultra larga è un asset strategico per la crescita del territorio nazionale, poiché permette di colmare il ritardo digitale e di sviluppare connessioni e servizi di ultima generazione, leve principali della produttività per affrontare le sfide economiche e sociali di oggi e degli anni futuri. 

Open Fiber non si rivolge direttamente ai clienti finali in quanto mette la propria rete a disposizione di tutti gli operatori interessati: bisogna verificare sul sito www.openfiber.it la copertura del proprio civico, scegliere il piano tariffario preferito e contattare uno degli operatori presenti sul territorio per poi iniziare a navigare ad alta velocità.

Soddisfazione da parte del Sindaco, Marco Torriano: “Diventa quindi operativa e disponibile la fibra, proiettando finalmente il nostro paese all’avanguardia nelle connessioni dati veloci e dando ai balzolesi la possibilità di sottoscrivere contratti che garantiscano livelli di eccellenza nei servizi di connettività.

Era uno dei nostri punti fermi del programma elettorale, senz’altro una priorità promessa e su cui ci siamo impegnati duramente fin dai primi giorni di mandato. Siamo partiti da una mail rimasta senza risposta nel febbraio 2019. Senza risposta non per dimenticanza ma per non aver saputo dare una possibilità di progettazione per il piano banda larga Open Fiber. Una mail che chiedeva una location congrua per il posizionamento della centralina di smistamento della futura nuova rete di connessione, il cosiddetto PCN. Le location proposte a suo tempo non erano state ritenute funzionali al progetto e quindi non ricevendo dal Comune altre opzioni, il progetto era insabbiato, in un vicolo cieco.

Siamo ripartiti quindi da quella vecchia mail e con non poco scalpore negli ingegneri di Open Fiber, riunione dopo riunione in un calendario dettato da tempi stretti sanciti dall’amministrazione comunale abbiamo trovato l’accordo per il posizionamento definitivo dell’opera e per l’avvio dei lavori. Indubbiamente i disagi sono stati tanti, per mesi abbiamo avuto un cantiere itinerante con scavi in quasi tutte le vie ma era il prezzo da pagare per la modernità e per garantirci un servizio indispensabile, di cui abbiamo compreso l’importanza una volta di più nei mesi di clausura del Covid.

Non tutto il paese è stato cablato in questo frangente, come previsto dal piano nazionale che non garantisce la copertura totale dell’Italia ma solo delle aree bianche indicate dal bando Infratel; ma proprio per questo, insieme al progetto Senza Fili Senza Confini cui Balzola ha aderito, possiamo ragionevolmente dire che tutto il paese oggi, anche le cascine, un anno e mezzo dopo le elezioni, ha la possibilità di usufruire di un servizio veloce ed efficiente.

Non vi nego la soddisfazione provata in una riunione organizzata lo scorso autunno dalla Provincia di Alessandria per affrontare il progetto Open Fiber in provincia: Balzola finalmente torna a ricoprire un ruolo di avanguardia nel territorio, in un servizio che vedrà raggiunta la maggior parte dei paesi monferrini tra la fine del 2021 e il 2022.

Ringrazio gli ingegneri Moscatelli e D’Argenio di Open Fiber per la collaborazione, disponibilità e pazienza dimostrata in questi lunghi mesi di progettazione e realizzazione dell’infrastruttura, mesi in cui sono stati subissati di telefonate e di solleciti per portare a compimento l’opera nei tempi previsti, come poi è sostanzialmente avvenuto. L’intervento, occorre ricordarlo, è costato zero per le casse comunali.

Ora spetta al cittadino e alle aziende la scelta in autonomia dell’operatore telefonico cui chiedere l’attivazione della nuova linea”

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook