Cultura

Mostra fotografica “Il Monferrato degli Infernot, patrimonio UNESCO” a cura di Ilenio Celoria

Il Comitato Casale Monferrato Capitale della DOC, nell’ambito della manifestazione “Golosaria” che avrà luogo al Castello del Monferrato nei giorni 12 e 13 settembre 2020, propone ai visitatori la mostra fotografica “Il Monferrato degli Infernot, patrimonio UNESCO” a cura di Ilenio Celoria che sarà ospitata presso i locali del Centro DOC.

Le fotografie illustrano una sintesi del percorso che l’autore ha compiuto negli infernot a partire dal 2001 quando, all’interno del progetto “Rilievo e mappatura degli infernot” realizzato dall’Istituto Superiore Leardi di Casale Monferrato, ha iniziato una ricca documentazione che ha portato alla scoperta di quasi un centinaio di infernot collocati nel Monferrato casalese. Ricordiamo che la ricerca è iniziata qualche anno prima della costituzione dell’Ecomuseo della Pietra da Cantoni, nato con l’obiettivo di valorizzare e salvaguardare il territorio, e che ha portato al riconoscimento UNESCO del 2014 dove gli infernot sono stati collocati nella zona 6 del sito “I Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato”, 50° sito UNESCO e primo paesaggio culturale vitivinicolo iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Nell’esposizione sono presenti 20 fotografie e un video che raccontano molti tra i più significativi esempi di queste architetture ipogee che rendono il nostro territorio unico. Le immagini offrono uno sguardo sulle peculiarità più significative di questi manufatti restituendo la percezione dello spazio che l’infernot dà allo spettatore; le fotografie non si presentano solo come documentazione ma anche come un invito ad un viaggio nella terra del Monferrato casalese. 

Il visitatore potrà anche utilizzare la realtà aumentata per visitare alcuni tra gli infernot più interessanti del territorio utilizzando il proprio smartphone.

La mostra proseguirà nei due fine settimana successivi in occasione di “#Seguiilcalice / Festa del vino”.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook