Ambiente, Meteo

Emergenza maltempo: aggiornamento della situazione meteorologica sul territorio provinciale

Il bollettino meteorologico emesso da ARPA Piemonte prevede che nelle prossime 30 ore possano verificarsi nuovi eventi temporaleschi diffusi, tali da innalzare il grado di allerta da gialla ad arancione.

Le preoccupazioni dell’Ente si riferiscono al territorio compreso nell’area G della divisione proposta da Arpa Piemonte ed in particolare le aree comprese tra le valli Belbo e Bormida, che sono già state duramente colpite nei giorni scorsi.

In particolare si evidenziano pericoli di locali allagamenti, isolati fenomeni diversante e innalzamenti dei corsi d’acqua favoriti dal recente evento alluvionale. Non sono da escludere neanche l’attivazione di movimenti franosi che potrebbero interessare sia aree con frane già attive che zone con frane latenti riattivate dai nuovi eventi atmosferici.

Allo stesso modo il sistema idrografico minore potrebbe, già sottoposto a stress dalle recenti piogge, potrebbe non riuscire ad assorbire i nuovi afflussi, specie in prossimità di intubamenti, restringimenti o attraversamenti di infrastrutture.

Al fine di gestire l’emergenza la Prefettura di Alessandria ha già potenziato i presidi delle stazioni Carabinieri e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nelle aeree appenniniche e collinari già pesantemente colpite dagli eventi franosi e alluvionali di questi giorni.

La Provincia di Alessandria ha già attivato, attraverso i propri uffici ed il Nucleo di Protezione Civili, tutti i protocolli previsti per questo tipo di emergenza, mettendo in campo tutte le forze e le risorse a propria disposizione.

In tal senso sono costantemente attivati i sistemi di monitoraggio e segnalazione delle proprie infrastrutture, al fine di ridurre al minimo rischi e disagi.

Tenuto conto dell’attuale situazione di particolare complessità, si invita la popolazione ad evitare di mettersi in viaggio in tali zone se non per estrema necessità, a partire dalla prime ore di questa notte.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

Seguici su Facebook